SOS ricarica, che cos’è e come funziona

Al giorno d’oggi gli smartphone, molto più dei vecchi e cari telefonini, ci accompagnano in ogni momento della vita quotidiana. Quando ci svegliamo, durante i pasti, mentre camminiamo per strada o addirittura anche quando lavoriamo…non li perdiamo mai di vista!

Tra tutte le funzionalità di questi dispositivi, però, alcune come le chiamate, gli sms e la navigazione online richiedono il pagamento di un abbonamento mensile, dato il costo del trasferimento dati offerto dai diversi operatori sul mercato. Certo, esistono abbonamenti flat, come quello di Vodafone, ma se non si paga in tempo anche quei servizi eventualmente verranno sospesi.

E che fastidio quando ciò succede! Talvolta ci si dimentica semplicemente di rinnovare alla scadenza mensile, talvolta non c’è proprio la possibilità di pagare…quindi che si fa? In vista di queste occorrenze esiste una soluzione, almeno temporanea, chiamata SOS ricarica! Scopriamo insieme tutti i dettagli!

SOS ricarica: di cosa si tratta?

Quando parliamo di SOS ricarica ci stiamo riferendo ad un servizio specifico, offerto da tutte le principali compagnie di telefonia mobile operanti nella nostra penisola. Parlando ad esempio dell’SOS ricarica Tim e Vodafone, quando non c’è più traffico residuo nella SIM, di ottenere un piccolo anticipo extra.

Molto spesso questi pochi euro non sono sufficienti a coprire l’intero costo del rinnovo, ovviamente, ma potrebbero bastare per cercare quella cosa così importante su Google o fare quella chiamata per un lavoro al quale non vorreste davvero rinunciare!

Ma vediamo nel dettaglio come funziona questo servizio e chi può usarlo! Per prima cosa è necessario, per fare la richiesta dell’SOS ricarica, avere effettuato in precedenza almeno una ricarica di qualsiasi importo, dal primo giorno in cui la SIM è stata attivata. Inoltre, la possibilità di eseguire questa operazione su ogni tipo di SIM, ossia quelle Ricaricabili e quelle solo per i Dati, varia da gestore a gestore: in alcuni casi il servizio è disponibile solo per le SIM Ricaricabili.

Come funziona il servizio SOS ricarica?

Previo rispetto di tutte le indicazioni precedenti, sarà possibile in caso di necessità effettuare una SOS ricarica sul nostro dispositivo! Ma come si fa?

Per ottenere questo piccolo credito extra sarà necessario chiamare, in pochi secondi, l’apposito numero gratuito messo a disposizione dall’operatore. Fatto ciò risponderà un messaggio automatico, che attraverso una procedura guidata ci accompagnerà nelle varie opzioni a disposizione; una volta trovato il numero associato all’SOS ricarica, sarà sufficiente premerlo una prima volta, per selezionare l’opzione, ed una seconda volta, per confermare la scelta fatta.

Appena confermata la richiesta, il gestore invierà un apposito SMS che certificherà la ricezione dell’importo, assicurando che da quel momento in poi sarà possibile utilizzare tale credito per ricominciare ad effettuare tutte le operazioni che prima erano state negate.

Come si restituiscono i soldi prestati al gestore?

Questo servizio, essendo comunque considerabile una sorta di prestito, ha un piccolo costo previsto dal gestore, che verrà restituito insieme al credito offerto. Come potremo dunque restituire i soldi e l’interesse ottenuti grazie all’SOS ricarica? Niente di più semplice!

Una volta che effettueremo una ricarica di un qualsiasi importo, a condizione che superi la somma del prestito e del costo del servizio, questo verrà scalato dalla cifra che caricheremo sulla SIM, in modo completamente automatico! È richiesta una ricarica di importo pari o superiore per due motivi molto semplici: il primo è la possibilità di restituire, in un unico pagamento, tutto ciò che è dovuto; il secondo è per fare sì che, una volta tornati in pari, ci sia ancora un bilancio positivo nel credito residuo della SIM.

Ricaricare la SIM è un’operazione noiosa e facile da dimenticare, ma che talvolta può davvero cacciarci nei guai! Per fortuna servizi come l’SOS ricarica ci permettono di risolvere temporaneamente, dandoci la comodità di poter continuare a fare tutto nell’attesa di rimediare al mancato appuntamento!