Audi, torna We Generation – ecco di cosa si tratta

Torna We Generation, dopo il brillante successo della prima e della seconda edizione. Anche in questo difficile 2020, Audi propone la sua terza edizione del percorso di formazione per giovani talenti. La casa dei quattro cerchi, in collaborazione con SHADO (media company del gruppo H-FARM), si è impegnata in una attenta selezione tra centinaia di candidature.

Tra tutti gli aspiranti si sono distinti 5 studenti, ragazzi e ragazze, che sono stati inseriti in una interessante esperienza formativa, ricca di eventi, incontri e laboratori. Nonostante la difficile situazione che stiamo vivendo in questi mesi incerti, Audi e SHADO vogliono lanciare un messaggio positivo per il futuro, e lo fanno proprio tramite Audi Generation.

La bellezza: il tema cardine per We Generation

Il tema cardine di questa terza e rinnovata edizione di We Generation è la bellezza. Il concetto supera il gap generazionale, ma muta con il cambiare della cultura. I 5 selezionati sono stati chiamati a parlare della loro percezione della bellezza tramite i nuovi linguaggi social, fatti di post, stories e live.

Il risultato è stato un interessante storytelling, carico di messaggi e di immagini evocative sulla contemporaneità. Gli studenti sono stati capaci di mostrare una nuova idea di bellezza e un nuovo racconto della stessa, utilizzando gli strumenti della tecnologia.

Il percorso di formazione e gli eventi

Con Audi e H-FARM i 5 selezionati sono stati invitati a partecipare a eventi nazionali ed internazionali, laboratori e incontri one-to-one. La sede di H-FARM a Roncade ha ospitato il Futureshots e il Tech It Easy, come accaduto anche per la prima e la seconda edizione.

I ragazzi hanno partecipato anche al Festival dello Sport di Trento, dove hanno incontrato Federica Brignone, campionessa di sci, e Michela Moioli, campionessa di snowboard. Assieme alle due sportive i ragazzi hanno lavorato sul tema dei social e della tecnologia, e sulla loro funzione per il mondo dello sport.

Alla lista degli appuntamenti si sono aggiunti anche il Wired Next Fest e il Club2Club di Torino. Il Wired Next Fest è il più importante festival nazionale a tema cultura dell’innovazione. In occasione dell’evento i giovani hanno collaborato con il pubblico, discusso sul tema della condivisione dei dati e mostrato il loro storytelling, frutto del lavoro con We Generation.

Mentre al Club2Club di Torino, prestigioso festival di musica elettronica, i selezionati hanno avuto la possibilità di lavorare con musicisti professionisti di calibro internazionale e con esperti del mondo dell’intrattenimento. La collaborazione ha portato a sottolineare l’importanza del linguaggio musicale nell’unione generazionale.

Klaus: ospite d’eccezione

Alla guida dei 5 studenti troviamo Klaus, produttore musicale, guru dei social e content creator. Klaus, nome d’arte di Tudor Laurini, è stato scelto per guidare il gruppo durante il percorso di crescita e formazione, in virtù delle sue competenze in ambito di comunicazione.

Con We Generation Audi si avvicina ai giovani e impara a conoscere i nuovi modi di comunicare. L’esperienza è stata motivo di crescita e di sviluppo sia per i ragazzi che per i partner coinvolti. Non dubitiamo che ci sarà anche una quarta edizione di We Generation il prossimo anno.

Audi: verso il futuro

La casa dei quattro cerchi guarda sempre all’innovazione e con We Generation vuol conoscere i nuovi talenti, formarli e avvicinarli al mondo dell’impresa. Il percorso lancia un messaggio positivo e guarda verso un domani migliore. Chissà se tra i 5 giovani studenti ci sarà uno dei leader del futuro?