La detartrasi può essere pericolosa?

Conosciamo già l’importanza di avere una corretta igiene dentale quotidiana a casa nostra, facendo buon uso dello spazzolino e del dentifricio, il collutorio e il filo interdentale.

Abbiamo anche parlato in precedenti occasioni dell’importanza di eseguire regolarmente, solitamente ogni sei mesi, una pulizia più approfondita nello studio dentistico: questo tipo di pulizia più professionale ci aiuta ad eliminare tartaro e batteri che si accumulano nel cavo orale e che possono portare ad alcune infezioni o patologie dentali e orali.

È sempre opportuno rivolgersi al proprio dentista per una detartrasi accurata quando iniziamo ad avvertire qualche disturbo, come ipersensibilità o sanguinamento gengivale.

In sede di visita, a seguito della pulizia profonda del cavo orale, per risultati più splendenti, potreste anche accordare con lo specialista una o due sessioni di sbiancamento dei denti professionale: per capire quale sia il costo dello sbiancamento dei denti, si può visitare il sito specialistico Dentalpharma.

Questa piattaforma online fornisce sempre, e in modo puntuale nonché estremamente professionale, tutte le informazioni necessarie per avere una bocca al top ogni giorno, sia in studio che a casa.

Ma cosa succede quando la pulizia dentale non è sufficiente?

In questi casi, viene utilizzato il curettage dentale, eseguito con prodotti come il curette gracey, che include il ridimensionamento dentale e la levigatura delle radici. Vediamo in cosa consistono queste tecniche di pulizia, chi dovrebbe eseguirle e quando dovremmo eseguirle.

Cos’è il ridimensionamento dentale?

Il ridimensionamento dentale fa parte del curettage dentale, che deve essere eseguito da un parodontologo e viene eseguito dopo la pulizia dentale e combinato con la levigatura delle radici.

Questo curettage viene utilizzato per curare la parodontite come trattamento di rimozione della placca sopra e sotto gengivale o del tartaro (sopra e sotto le gengive) quando la pulizia tradizionale non è sufficiente per rimuoverle.

 

Un trattamento per quando la pulizia orale non è sufficiente

In alcuni casi, non è sufficiente eseguire una sessione di pulizia dentale dal dentista per eliminare la placca, il tartaro e le infiammazioni alle gengive. È allora che il professionista medico deve valutare se è necessario eseguire un curettage con scalatura dentale e levigatura radicolare incluse.

Il ridimensionamento dentale e la levigatura delle radici consistono nel raschiare le superfici delle radici dei denti mediante strumenti chiamati curette e hanno lo scopo di pulire le gengive e i denti.

Questo curettage viene solitamente eseguito in più sessioni, dividendo la nostra bocca in quattro diversi quadranti e applicandolo a un solo quadrante per sessione: raschiare e levigare può essere un po’ fastidioso e potrebbe essere necessario ricorrere all’anestesia locale per ridurre al minimo il disagio del paziente.

Attraverso il ridimensionamento dentale, il tartaro e la placca vengono rimossi oltre la superficie dei denti, nelle zone nascoste dalle gengive. Attraverso le curette il medico può accedere allo spazio tra la gengiva e il dente per eseguire una pulizia completa.

Quali problemi specifici risolve il ridimensionamento dentale?

Il problema principale che viene risolto dal ridimensionamento dentale è la parodontite.

La parodontite si verifica quando c’è un’infezione o un’infiammazione delle gengive e questa non viene trattata adeguatamente ed è la principale causa di perdita dei denti negli adulti.

A causa della scarsa igiene, la placca e il tartaro si accumulano alla base dei denti, provocando l’infiammazione delle gengive e la formazione di sacche o fori tra la gengiva e il dente.

Queste sacche di tartaro e placca causano infiammazione dei tessuti molli, con conseguenti danni ai tessuti e alle ossa intorno al dente.

La parodontite colpisce le strutture che supportano il dente: se non viene trattata adeguatamente, inizierà a muoversi man mano che il danno progredisce.

Il vero pericolo della parodontite è che molte volte i sintomi non compaiono fino a quando la situazione non è veramente grave e il danno causato alle strutture che supportano il dente è difficilmente reversibile.

Ma curare la malattia nel tempo può fermarne la progressione e anche in alcuni casi è possibile migliorarla.

Quali risultati ci offre il ridimensionamento dentale?

Dopo un ridimensionamento dentale e una levigatura delle radici, i nostri denti sono privi di placca e tartaro, e dobbiamo solo limitarci a mantenere un’adeguata igiene dentale (essendo, ovviamente, molto attenti quando si usa filo interdentale e spazzolino da denti) e andare dal dentista per una pulizia semestrale.

È vero che i denti possono presentare un po’ più di sensibilità agli sbalzi di temperatura e anche in alcune occasioni può verificarsi un piccolo sanguinamento, ma si tratta di solito di episodi sporadici.